Controlla disponibilità!

Data Arrivo

Data Partenza

Persone

Codice promo

Parco archeologico e naturalistico di Vulci


Vulci, un po' di storia

Nel luogo in cui oggi sorge il Parco Naturalistico Archeologico di Vulci, nei pressi di Montalto di Castro in provincia di Viterbo, un tempo esisteva l’omonima città etrusca, una delle più grandi città-stato dell’Etruria.
Visitare il parco è come entrare in una macchina del tempo quando sotto la dominazione dell’impero romano e del popolo etrusco, la città di Vulci visse un periodo di grande splendore: al centro l’antica città, intorno le necropoli e lungo le strade extraurbane i santuari.
Oggi, di tutto questo, rimangono preziose testimonianze da ammirare nei sentieri dell’area archeologica. Il simbolo di Vulci è il Castello dell’Abbadia che sorge al di sopra del fiume Fiora e che ospita l’importante Museo Nazionale Archeologico. Ma l’elemento sicuramente più importante è la necropoli a circa 1 km dal castello, la celebre città dei morti, con tombe che risalgono a circa 2700 anni fa, come il tumulo della Cuccumella, la tomba delle iscrizioni e la tomba François.
Attraverso i ritrovamenti è possibile riscoprire le tradizioni, i canti e le danze degli etruschi. Antichi sentieri che riportano ad antichi pensieri, alla scoperta di una delle più affascinanti civiltà del passato.

La storia che si confonde con il presente: questo è il parco naturalistico di Vulci. Qui hanno luogo, non solo scavi e ritrovamenti funerari ma anche concerti, passeggiate sotto le stelle e iniziative che coinvolgono grandi e piccini.


Attività da non perdere

Percorsi sensoriali e tiro con l’arco per immergersi nel paesaggio di Vulci, battesimo del kayak nelle acque del laghetto del Pellicone; visita didattica notturna della città antica e, per finire, i racconti di stelle tra leggende, mito, scienza e… la Natura incontaminata immersa nel mistero e nel fascino dell’oscurità da osservare con l’ausilio di torce.


Vulci Music Fest

Una delle rassegne musicali più importanti d’Italia che permette di far conoscere il Parco Naturalistico Archeologico di Vulci ai turisti che non ne conoscevano l’esistenza. Grandi nomi sul palcoscenico più suggestivo in assoluto. L’estate scorsa i grandi successi dei Negramaro, i Subsonica, Alborosie e Daniele Silvestri tra musiche e suoni moderni in uno scenario antico a dir poco suggestivo.


Curiosità

Il lago Pellicone, all’interno del parco, è stato lo sfondo di due famosissime pellicole cinematografiche: “Non ci resta che piangere” di Roberto Benigni e Massimo Troisi e il più recente “Tre uomini e una gamba” del trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo.
Il videoclip della canzone “Libre” di Emma Marrone e Alvaro Soler è stato girato al parco di Vulci e nei dintorni di Canino e Ischia di Castro.

Non solo parco, dunque, ma unione perfetta tra storia, arte, cultura, natura e modernità: una calamita che attrae sempre più turisti da tutto il mondo e a pochi chilometri dal California Camping Village!



Aprile e Maggio, visite guidate ed organizzare. Prenota il tour direttamente in Villaggio, ogni domenica

 

Parco di Vulci - Racconti di stelle

Una serata fatta di leggende, natura, archeologia, storia e osservazione della volta celeste. Il cielo, con tutte le sue meraviglie, ha sempre conquistato e attratto la fantasia degli uomini che istintivamente hanno identificato in esse la rappresentazione della potenza divina.

Nella loro immaginazione gruppi di stelle, apparentemente vicine tra loro, prendevano forme legate alla storia dell’uomo.

Racconti di Stelle è il modo per ritornare a quell’intimistico legame con miti del passato, rimanendo nel contempo aderenti alle spiegazioni che la scienza ha dato alla comparsa delle costellazioni. Quando il buio ci avvolgerà ci sdraieremo su un morbido tappeto d’erba e ci immergeremo nel mito che le stelle ci raccontano.

IL MESTIERE DELL'ARCHEOLOGO

Seguendo le indicazioni date dall’archeologo, i bambini sperimenteranno l’emozione della scoperta in un’area di scavo “simulato… ma non troppo”: veri reperti etruschi e romani sono a disposizione per “toccare con mano” la storia ed imparare i segreti di un affascinante mestiere.


Tel: +39 0766.879729 Fax: +39 0766.879024
SKYPE: parcodivulci
E-Mail: info@vulci.it

Potrebbe interessarti

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni